ARTISTI  E  PROGRAMMI
 

Concerto precedente

Concerto successivo

   VENERDÌ 27 MARZO  -  Teatro Trifiletti, ore 20.30   
 
FESTA RUSTICA ENSEMBLE
Hugo Bolívar (sopranista)
Luca Ambrosio (clavicembalo)
Ramashanty Cappello (violoncello barocco)
Giorgio Matteoli (flauti dolci e Maestro concertatore)

Hugo Bolívar HUGO BOLÍVAR Si è formato alla Escuela Superior de Música de Catalunya con il soprano M. Almajano, dove si è specializzato con la menzione d’onore in canto antico, seguendo anche i corsi di C. Mena, A. Thompson, V. Torres e F. Schofrin.
Selezionato come solista dall’Académie baroque d’Ambronay, collabora regolarmente con diversi gruppi specializzati nella prassi storicamente informata, tra cui l’Orquestra Barroca de Barcelona, l’Academia 1750, Música Trobada, Concerto 1700, Arti Vocali (Bruxelles), Prattica Terza (S. Pietroburgo) e I Bassifondi (Italia).
Ha cantato in prestigiose sale da concerto, come il Palau de la Música Catalana, la Casa da Musica di Oporto, il Palais des Beaux-Arts di Bruxelles, l’Opéra de Vichy, l’Opéra de Reims, il Teatro Real e l’Auditorio Nacional di Madrid.
Della sua ampia attività discografica si segnala la collaborazione con Österreichischer Rundfunk per l’Oratorio per la Nascita del Redentore di G. L. Lulier, quella con Gambe di Legno Consort nel Festival di Musica di Merano e la prima registrazione di Qvinta Essençia, gruppo vocale di cui fa parte da qualche anno.
È di prossima pubblicazione il suo ultimo CD dedicato ai Lieder di C. Ph. E. Bach.
In campo operistico, dal debutto ne L’Orfeo di Monteverdi al Teatro Real nel 2012, merita attenzione la sua recente partecipazione all’Acis and Galatea di Händel per il Festival Castell de Peralada, per il quale ha ricevuto eccellenti recensioni.

 

Festa Rustica Ensemble FESTA RUSTICA ENSEMBLE - È un ensemble italiano con organico variabile (dalla triosonata all’orchestra da camera), attivo da più di venticinque anni nel campo della musica antica.
La sua prima incisione mondiale dei Concerti per flauto ed archi di Francesco Mancini, per la casa discografica Musicaimmagine (MR 1004), ha riscosso notevoli consensi da parte della critica nazionale ed internazionale, classificandosi, secondo la rivista americana specializzata “Fanfare”, tra i migliori dischi di musica classica prodotti nel mondo per l’anno 1995 (“The want list 1995”). A questa registrazione sono seguite le prime assolute dei concerti di Nicolò Fiorenza (ASV Gaudeamus), le Sonate per violoncello di James Cervetto (Agorà) e le Lamentazioni per la settimana santa di Francesco Antonio Vallotti (Paragon), oltre a diverse altre uscite per altre case discografiche (Map, Da Vinci Classics) o riviste specializzate (Amadeus, Orfeo e CD Classica).
Intensa è l’attività concertistica del gruppo, che si articola tra l’Italia e l’estero (Francia, Montecarlo, Spagna, Albania, Romania, Slovenia, Germania, Macedonia, Turchia, Giappone).
Fondatore e direttore dell’Ensemble è il flautista, violoncellista e direttore d’orchestra Giorgio Matteoli, musicologo e docente di flauto dolce e musica d’insieme per strumenti antichi presso il Conservatorio di Latina.

 

Giorgio Matteoli

Luca Ambrosio

Ramashanty Cappello

Giorgio Matteoli
(flauti dolci)

Luca Ambrosio
(clavicembalo)

Ramashanty Cappello
(violoncello)

 

PROGRAMMA

 

"Splendori del Barocco"

 
  J.S. BACH: Arioso
(dalla Cantata BWV 156)

Jesu, bleibet meine Freude
(Gesú rimane la mia gioia - Corale dalla Cantata BWV 147)

Aria sulla quarta corda
(dalla Ouverture-suite n. 3 BWV 1068)

Erbarme dich, mein Gott
(Abbi pietà, mio Dio - Aria dalla “Passione secondo S. Matteo” BWV 244)
 
 
  P.D. PARADISI: Sonata in la magg. n. 6
(dalle “Sonate di Gravicembalo”)
 
     

- Vivace
- Allegro (Toccata)

 
  A. MARCELLO: Concerto in re min.  
     

- Andante e spiccato
- Adagio
- Presto

 
  G.F. HÄNDEL: Ombra mai fu
(Aria dall’Opera “Serse” HWV 40)

Passacaille
(dalla Suite per clavicembalo HWV 451)

Lascia ch’io pianga
(Aria dall’Opera “Rinaldo” HWV 7)
 

 

 
In collaborazione con

Compagnia Teatrale "Milazzo 2010"